Avere oppure non avere un figlio?

La nostra società attuale ci impone di farci questa domanda con serietà.
E' di oggi la notizia che i trentacinquenni raggiungeranno la pensione soltanto a 75 anni e l'assegno sarà tra i 700,00 e i 1000,00€.
E poi la questione geopolitica instabile non è certo foriera di fiducia per nuove generazioni. Ho sentito diverse volte in questi giorni, discorsi su come saranno le classi scolastiche nel prossimo futuro? E' davvero possibile l'integrazione multirazziale nelle città europee?
Tutte queste sinistre premesse sono discorsi da bar in questo particola periodo storico. E questo malessere generale che affligge il mondo contribuisce al calo endemico delle nascite che si aggira attorno al 18%.
Meno bambini, meno passeggini in giro. E anche il settore dei prodotti dell'infanzia subisce qualche contraccolpo.
Come può una mamma comprare un passeggino a cuor leggero, scontrandosi con questo tipo di preoccupazione ogni giorno?
Dobbiamo essere positivi oppure negativi? L'ottimismo per qualcuno è il profumo della vita, per cui dovrebbe essere proprio questo lo spirito con cui affrontare il futuro, ed anche il presente.
Tutti a letto a far figli subito!
Invece che di preoccupazioni sociali preferirei poter disquisire sulle caratteristiche di un particolare modello di passeggino. Oppure sull'ultimo modello di seggiolino auto e su tutte le innovazioni sulla sicurezza di cui questo ultimo modello è ricco.
Mi piace quando la filiera delle aziende riesce a garantire lavoro e soddisfazione a tutti gli anelli che la compongono. E mi atterrisce vedere tutto questo dolore e queste preoccupazioni attorno a me.
In televisione scorrono le interviste a persone comuni e le parole che più si usano sono siamo spaventati. Quei servizi che mandano in onda durante i talk show che hanno sempre un tono che va tra il manipolativo, il marketing, e l'informazione.
Un mondo difficile il nostro. Difficile anche trovare le giuste risorse dentro se stessi per essere davvero ottimisti. Però non voglio contribuire al grigio che colora i nostri umori, e quindi voglio pensare ad un bellissimo passeggino leggero che si stagli all'orizzonte di un fantastico tramonto.
La natura del nostro popolo ha una natura comica, come dice qualcuno, per cui nonostante tutto non smettiamo di sorridere!